Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e la raccolta di dati statistici in forma aggregata. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la cookie policy, continuando a navigare o cliccando su un qualsiasi elemento della pagina acconsentirai all’utilizzo dei cookie.

CSEF - Center for Studies in Economics and Finance

Tassazione degli affitti da mitigare ma senza sacrificare la progressività

22 February
by Sergio Beraldo e Giovanni Esposito, Quotidiano del Sole 24 Ore

La cedolare secca, introdotta nel 2011 per le locazioni abitative, consente di pagare un’imposta fissa del 21% (10% per i canoni concordati) in sostituzione di Irpef, addizionali, bollo e registro. L’opzione ha guadagnato un tale consenso (al 2015 rappresenta il 37,4% dei redditi da locazione), che ne viene suggerita l’estensione a tutti i contratti di locazione (abitativi da parte di soggetti non persone fisiche e commerciali in generale), da parte di varie forze politiche ed associazioni di categoria (Manifesto per il rilancio del settore immobiliare di Confedilizia per le elezioni politiche del 4 marzo 2018). Tale proposta, però, non tiene in sufficiente considerazione, a nostro giudizio, alcuni aspetti critici della misura.
Continue to read the article on